Etichettatrice Brother PT-H100R per casiniste e megalomani. 

 

Organizzazione makeup
 
Sono una persona disordinata, molto disordinata. 

Odio piegare i vestiti, la sedia in camera costituisce una sorta di succursale dell’armadio e odio, odio, odio rimettere le cose a posto. 

Ecco, questo aspetto potrebbe essere tranquillamente classificato con l’hashtag che cavalca il trend di quest’ultima settimana, #socialmediaisnotreallife. 

E certo, perché nelle mie foto vedete un ordine quasi maniacale ma non è così, o meglio, è così a giorni alterni.

Devo ammettere che, pur non essendo ordinata, AMO l’ordine, parliamoci chiaro, a chi piace vivere nello schifo?

E, dato che nello schifo non ci voglio vivere, ci sono quei giorni (una volta a settimana) che, presa da istinti maniaco ossessivi, inizio a rassettare, inscatolare e piegare, insomma tutto ciò che fa una persona normale. 

Questo ordine dura uno o massimo due giorni e ogni volta che mi accingo a mettere di nuovo a posto, trovo lo stesso caos che regna da H&M dopo la vendita della collezione Balmain (giusto per parlare di argomenti inflazionati negli ultimi giorni). 

Il problema dovrei parzialmente risolverlo con l’etichettatrice Brother PT-H100R AKA lo scettro magico. 

  
All’apparenza una diavoleria di quelle davvero infernali ma, praticamente, uno strumento salva vita. 

Posso creare, personalizzare e stampare insieme solo utilizzando questo apparecchio e poi, felice e contenta, appiccicare le etichette dove voglio. 

   
 Sto sperimentando questo metodo con i trucchi perché il mio bagno sembra il magazzino di SEPHORA e ho un disperato bisogno di classificare e dividere matite, ombretti, mascara e tutte quelle cose che dovrebbero aiutarmi ad apparire più bella. 

Il bello delle etichette Brother è che sono disponibili in svariati colori e dimensioni e sono resistentissime perché dotate di una pellicola trasparente che non le danneggia con l’uso prolungato. 

Se poi siete anche un po’ megalomani come la sottoscritta, potete iniziare ad etichettare anche tutti i vostri effetti personali, un po’ come quando si frequentava la scuola elementare e in classe si aveva il compagno/a cleptomane che fregava le penne colorate. 

  
Baci baci, 

Alessiarux 

BROTHER- MASSIVE WRITING

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...