How to be a Barbie Girl // Moschino Edition

IMG_0279.JPG
Sto scrivendo un altro post riguardante la capsule a opera di Jeremy Scott per Moschino, ne sono più che consapevole.
Ho ricevuto molti “feedback positivi” per lo scorso post sempre riguartante Moschino e sul suo essere terribilmente trash, però voglio scuotere un po’ le coscienze e voglio analizzare più da vicino i pezzi di questa collezione.
Ho deciso di intitolare simpaticamente il post in questo modo perché attraverso le immagini da me create sotto forma di “guida al prezzo” voglio illustrarvi nel dettaglio ciò che ho macchinato nella mia macchinosa mente, gioco di parole voluto.
Complice anche il servizio della mia cara Chiara Ferragni su Grazia Magazine che è stato di ispirazione per questo post, direi di incominciare.

IMG_0277.PNG
Partendo dal presupposto che tutti i capi di abbigliamento mi facciano elegantemente venire da andare in bagno, per il mio modestissimo parere, si salva solo la maxi T-shirt/mini abito, nonché il pezzo meno costoso tra i vestiti.

“Dici così perché non ce li hai e non te li puoi permettere.”
“No, non ce li ho perché ho scelto di non averli, altrimenti a quest’ora starete vedendo i miei social tempestati di Alessiarux wannabe Barbie con capelli rossi e sedere alla Kim Kardashian.”

IMG_0278.PNG
Per quanto riguarda gli accessori, ho in serbo parole più gentili.
La cover, nonostante sia stata oggetto di molte prese in giro da parte della sottoscritta, è davvero un bel giocattolino; io poi impazzisco per ogni tipo di cover, puntualmente le compro, le uso una volta sola e poi vanno a finire dritte nel mio Depop.

Lo zaino mi sembra un comunissimo Eastpak tempestato di scritte di dubbio gusto.
Pollice in giù anche per la Clutch in PVC e quella specie di borsa a tracolla che mi ricorda tanto il beauty case di mio nonno.

Fascetta: no comment.

L’unico vero e proprio capolavoro è la borsa di pelle che ricalca la forma e il modello del classico chiodo di pelle, per quella andrei anche in bancarotta.
Aspetto vostri pareri,
Baci baci
Alessiarux

P.s. Quasi dimenticavo: meglio Moschino Barbie Bubble Gum o una bella Alexander Wang e dei vestiti di Marc By Marc Jacobs, Kenzo o See By Chloé?

8 Comments

  1. chasseursdechaussures

    A me piace molto l’idea di questa collezione, al contrario di quelle di mc donald’s e spongeebob, perché questa riflette un po’ il sogno che avevamo noi bambine, cioè di mettere i vestiti delle nostre Barbie. Ciò non toglie che non indosserei niente della collezione, mi piace solo la cover e un po’ il chiodo ma non lo metterei mai come viene proposto da lui a mo’ di top, sono cose che non comprerei, peggio ancora se le facessero in versione economica, già sono cose che non si possono mettere, poi fuguriamoci se abbassiamo il livello di qualità di tessuti e rifiniture.
    insomma, la conclusione è, grazie per averci fatto sognare caro Jeremy, ma quelle cose mettile tu!
    Ultima riflessione, forse non venderà nemmeno un pezzo di questa collezione, forse la vedremo solo indossata dalle blogger a cui è stata regalata e dai manichini dei negozi in centro ma la verità èche sta facendo una grande pubblicità.
    un bacio. Iolanda
    http://chasseursdechaussures.wordpress.com

    1. alessiarux

      Ciao Iolanda, sono d’accordissimo su tutto ciò che hai detto.
      È innegabile che la sfilata sia stata un vero e proprio spettacolo e che gli abiti, le modelle, trucco e parrucco ricordassero in toto la nostra amata Barbie. Per quanto riguarda le vendite, l’unica cosa che vedo a chiunque è la cover 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...